Sottoscritto dai sindaci del nostro territorio, durante l’incontro appositamente convocato dal presidente della Provincia Luca Marmo, il documento proposto dall’UPI sulla revisione della riforma delle Province.

Obiettivo, ridare autorevolezza al ruolo

Tra gli obiettivi: tornare a considerare le Province come istituzioni con un ruolo e attribuzioni peculiari. Ridare autorevolezza sotto il profilo istituzionale, funzionale e finanziario, dopo l’esperienza di progressivo impoverimento e svilimento di questi anni. Restituire alle Province la capacità di rispondere ai territori e ai cittadini.

Questi, in sintesi, i contenuti del documento firmato oggi dai sindaci dei comuni pistoiesi.
Il presidente Marmo, nella illustrazione del documento, ha fatto riferimento alla riforma delle Province come a una riforma con tanti punti di debolezza, che ha bloccato le amministrazioni provinciali nel “pantano del nulla” e che oggi “ci consegna un ente fragile a fronte di un patrimonio di edilizia scolastica e di una rete viaria altrettanto fragili” .

Dopo aver dichiarato la sua perplessità in merito all’attuale discussione politica, che prevede un esborso di 300 milioni di euro per il ripristino “delle indennità degli amministratori” delle province e aver detto che quei soldi sarebbero meglio “metterli a frutto per le strade e le scuole provinciali”, Marmo ha rivolto ai Sindaci “al netto delle sensibilità politiche” l’ appello alla firma del documento, così da portare a compimento una riforma definitiva e seria, in un lasso temporale contenuto.

Leggi anche:  Il vescovo Nerbini diventa capo guardia d'onore della Misericordia di Prato

I sindaci e i delegati dei sindaci presenti all’incontro, a varie voci, hanno sottolineato l’importanza che la Provincia torni ad essere pienamente efficiente, con un’organizzazione adeguata e con risorse finanziarie sufficienti e, in generale, hanno detto di auspicare che la prossima legge di bilancio torni ad assicurare risorse.
Il documento sottoscritto dai sindaci dei comuni pistoiesi sarà trasmesso dalla Provincia di Pistoia all’UPI, che, a sua volta, lo consegnerà alle cariche più alte dello Stato, Governo, Parlamento. Il documento sarà depositato anche al tavolo tecnico politico per la riforma delle Province.
Marmo ha concluso con un speciale ringraziamento ai sindaci presenti nella quasi totalità a testimonianza del loro interesse e della loro attenzione al tema dei servizi erogati dalle Province a beneficio dei cittadini.

Leggi anche: Il Presidente della Provincia Luca Marmo fa chiarezza sul Ponte dei Mandrini