Il sindaco di Pieve a Nievole Gilda Diolaiuti aveva già contattato tempo fa Toscana Energia, una volta conosciuta la serie di lavori che avrebbe interessato la zona di via Ponte di Monsummano, via Sereni e via Nenni, chiedendo che l’azienda fornitrice di gas pianificasse la metanizzazione dell’area, in modo da razionalizzare gli interventi e completare i servizi.

Nuova domanda dell’amministrazione comunale

La risposta era stata piuttosto vaga e ora l’amministrazione comunale torna alla carica trasmettendo e inoltrando a Toscana Energia per scritto una raccolta di firme di abitanti della zona che chiedono in pratica la stessa cosa.

“Ovviamente abbiamo accolto molto positivamente questa iniziativa dei cittadini, che facciamo assolutamente nostra perché è del tutto in linea con quanto abbiamo scritto in precedenza- dice Gilda Diolaiuti-. Del resto si tratterebbe di una operazione dettata dal buonsenso, che ottimizzerebbe gli inevitabili disagi per cittadini e imprese, ma che restituirebbe alla comunità una zona completamente dotata di servizi essenziali. Ci auguriamo che Toscana Energia accolga la richiesta e proceda con l’investimento, sia pure in una fase di rinnovo delle concessioni della distribuzione del gas che certamente non incoraggiano questo tipo di progettualità”.

Le opere che Acque realizza in via Ponte di Monsummano, via Nenni e via Sereni sono piuttosto profonde, riguardano la fognatura nera e il rifacimento dell’acquedotto, per procedere poi a una totale riasfaltatura. Interventi che potrebbero integrare la metanizzazione senza particolari difficoltà.

Leggi anche:  Riaperto al traffico il sottovia ex Balducci di Pieve a Nievole

Leggi anche: Più di un chilometro di nuovo acquedotto a Pieve a Nievole: 45 giorni di lavori