Alla luce della discussione che sta per approdare in consiglio comunale a Pescia con tutte le osservazioni presentate sul P.O., Piano Operativo, Legambiente Valdinievole esprime la propria posizione di salvaguardia del territorio e contro il consumo spropositato di suolo libero.

Legambiente Valdinievole lancia l’appello a Pescia

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa diffuso da Legambiente Valdinievole.

Prossimamente il Consiglio Comunale di Pescia prenderà in esame le osservazioni presentate sul P.O., strumento urbanistico che ha destato molte preoccupazioni per previsioni ritenute problematiche e per un consumo di suolo valutato irragionevole per un territorio che non ha trend di crescita demografica e che possiede ingenti volumetrie decadute e abbandonate e, quindi, disponibili per il recupero, anche a fini residenziali.

Molti sono stati anche gli interventi critici da parte di organizzazioni che si occupano di urbanistica e di salvaguardia ambientale e paesaggistica, sia a livello locale, che regionale e nazionale, per chiedere una revisione del Piano. La stessa Regione Toscana ha presentato al Comune un’osservazione che contesta gran parte delle scelte e suggerisce di abbattere sensibilmente il consumo di suolo. Gruppi di cittadini hanno raccolto firme e hanno richiesto un riorientamento di questo strumento urbanistico in riferimento a scelte riguardanti porzioni del territorio (Via della Torre, Colleviti, Collodi, via XXVII Aprile, Veneri, area ex Business Park, …).

Anche Legambiente Valdinievole, come altri sodalizi ambientalisti, ha assunto una posizione critica sul P.O., richiamando la necessità che il Comune valuti con più attenzione le osservazioni e le critiche presentate. Ci permettiamo, quindi, di chiedere che, dalla discussione in sede consiliare prevista fra poco,
emerga un orientamento che conduca ad una diversa formulazione del P.O., come già indicato dalla Regione Toscana e come richiesto dai cittadini stessi, rendendo altresì minimale il consumo di nuovo suolo e puntando invece sul recupero di volumetrie degradate e sulla rigenerazione urbana.

LEGGI ANCHE: Pescia si mobilita per i canguri australiani