Annunciati i vincitori dell’ultraventennale concorso Olio d’Oro, organizzato dall’emittente televisiva Tvl nell’ambito della trasmissione Ora Verde. In Toscana ha trionfato l’azienda agricola Solaia di Montespertoli, nella provincia pistoiese invece si è imposta la Fattoria Melazzano di Monsummano.

Concorso organizzato dall’emittente Tvl

Si è chiusa con l’ennesimo successo l’edizione 2019 del concorso Olio d’Oro, kermesse ormai ultraventennale organizzata da Tvl con la collaborazione della Camera di Commercio di Pistoia. Due le sezioni dove i produttori hanno concorso per aggiudicarsi l’ambito premio: 32 gli oli in gara in quella regionale e 37 in quella provinciale, per un totale di 69 partecipanti a una competizione ormai storica, nata dalla volontà di far conoscere al grande pubblico la bontà e la genuinità dell’olio toscano.

Il concorso, che è partito dall’inizio della stagione con la raccolta delle olive e le prime frangiture, si è snodato tra i canonici appuntamenti settimanali durante il programma televisivo Ora Verde, prodotto e trasmesso da Tvl, dove ogni venerdì è stato decretato un vincitore settimanale, fino all’attesa finalissima che si è svolta nella splendida cornice di Villa Patrizia a Montecatini Alto.

Quattro i produttori in lizza per ogni categoria. Nella sezione regionale si è imposta l’azienda agricola Solaia di Montespertoli, grazie all’olio monovarietale Maurino. Fruttato medio con sapori decisamente erbacei che richiamano ai profumi della primavera, con amaro e piccante di media intensità in perfetto equilibrio tra di loro, il prodotto ha conquistato il palato degli assaggiatori del panel ufficiale della Camera di Commercio battendo la concorrenza, tra gli altri, dell’azienda agricola Buonamici dei fratelli Cesare e Cesara (nota giornalista televisiva).

Leggi anche:  Incidente in città: finisce con l'auto sdraiata su un fianco

Per quanto riguarda la sezione provinciale, invece, la vittoria è andata alla Fattoria Melazzano di Monsummano. In gara infine, per il quarto anno, anche 24 farine di castagne dell’area alta Toscana, sulle quali è spiccata quella prodotta dal signor Mariano Mariani di Bagni di Lucca.

“Olio d’Oro è uno dei concorsi del settore più lunghi e difficili, perché viene valutata l’evoluzione dell’olio nel corso delle settimane – ha commentato il direttore di Tvl, Luigi Bardelli – siamo soddisfatti per l’ampia partecipazione registrata, segno che l’attenzione per un certo di produzione, genuina e di qualità, è alta”.

Leggi anche: Un olio di Montecatini Alto nella Guida Extravergini di Slow Food