La prima sezione del Tar della Toscana ha accolto oggi la domanda cautelare di sospensione dei provvedimenti impugnati per la questione dei parcheggi dell’ospedale di Pescia.

Tutto rimandato al 12 febbraio 2020

Come è spiegato nel dispositivo della sospensione, la decisione del Tar si basa prevalentemente sul presupposto che è necessario scongiurare l’ipotesi che il recupero delle aree, in questa fase, possa arrecare danni non riparabili all’attività svolta dalla ricorrente Pe.Par.

Tutto rimandato quindi al 12 Febbraio 2020, quando il Tar si pronuncerà nel merito della questione.

“Per noi cambia poco – conferma il sindaco di Pescia Oreste Giurlani – se non un allungamento dei tempi di qualche mese. La sospensiva è stata accolta a tutela dell’attività esistente, come spesso accade in questi casi ma poi, quando la situazione verrà analizzata compiutamente, non credo ci saranno dubbi e i parcheggi non potranno che tornare definitivamente nella nostra disponibilità. I documenti che ci hanno portato ad agire in autotutela sono decisamente evidenti”.

Leggi anche: Pescia, la giunta annulla l’ultima delibera di affidamento dei parcheggi