I responsabili dell’Asl hanno fatto visita al “Pacini” di San Marcello per definire più nel dettaglio le tempistiche di installazione del day service oncologico, uno dei servizi previsti nel pacchetto approvato qualche settimana fa per il riconoscimento di area disagiata.

Le date per il nuovo day service oncologico al “Pacini”

I dirigenti dell’Asl Toscana Centro, dopo un sopralluogo all’Ospedale “Pacini” di San Marcello Pistoiese, sono stati in grado di definire meglio i tempi e i modi di attivazione del day service oncologico, rispetto a quanto era stato possibile fare nella recente riunione del tavolo tecnico. Dal direttore del dipartimento oncologico arrivano le seguenti conferme:

si avvierà un progressivo sviluppo dell’attività, nella prospettiva di una globale presa in carico dei malati oncologici che si rivolgeranno a San Marcello, dove sarà formato personale infermieristico capace di dare in ogni momento una prima risposta ai pazienti;

dal mese di dicembre si potrà cominciare a somministrare alcune chemioterapie nel presidio montano nei giorni di presenza dell’oncologo;

dal mese di gennaio 2020 le giornate di presenza dell’oncologo saranno raddoppiate e andrà a regime il sistema con il completamento della formazione del personale e dell’organizzazione, che coinvolgerà molti operatori del nostro ospedale;

Leggi anche:  Terme di Montecatini, Niccolai (Pd) spiega le ragioni dell’emendamento alla mozione Bianchi (M5S)

per motivi tecnici e di sicurezza le chemioterapie più complesse non potranno essere eseguite a San Marcello;

si è convenuto che i pazienti oncologici che si rivolgono all’ospedale di San Marcello saranno obbligati al minor numero di spostamenti possibili, in modo da creare il minor disturbo al paziente.

E’ stata infine prospettata la possibilità che alcune attività collaterali di sostegno per i pazienti oncologici di tutta l’area pistoiese possano essere svolte a San Marcello, e che in queste ci possa essere il coinvolgimento del volontariato locale.

“Si è registrato un clima di collaborazione e apertura alle esigenze locali da parte dei dirigenti ASL presenti, ha commentato l’assessore alle politiche socio sanitarie del Comune di San Marcello Piteglio Roberto Rimediotti. Questo è un buon punto di partenza per far sì che questa nuova attività risulti veramente utile e di sollievo per i malati oncologici della montagna. Seguiremo con attenzione la realizzazione di quanto promesso disponibili a fornire tutta la collaborazione che sarà necessaria”.

LEGGI ANCHE: Ecco il nuovo numero del call center del Cup di Asl n°3