Nella giornata di ieri Maurizio Bozzaotre ha rassegnato le dimissioni dal suo incarico di segretario dell’Unione Comunale del PD Pistoia.
Questo il testo della lettera inviata agli organismi locali.

La lettera e le motivazioni personali

“Care e Cari,
vicende familiari di recente accadimento necessitano la mia completa attenzione, impedendomi purtroppo di poter continuare a svolgere il mio compito di segretario dell’Unione Comunale.
Pertanto, con la presente rassegno le mie dimissioni dall’incarico.
Com’era doveroso, ho già provveduto a comunicare la mia decisione al Segretario Provinciale, che ho invitato ad adottare i provvedimenti del caso, ovviamente mettendomi a disposizione per ogni necessario incombente.
Tengo a precisare che tale decisione è dettata da ragioni di carattere esclusivamente personale e non ha alcuna motivazione politica, ed in particolare non prelude affatto ad una mia “uscita” dal nostro Partito. Ora più che mai continuo a credere nel progetto di un partito plurale e riformista, e non mancherò, per quanto mi sarà possibile, di offrire il mio contributo nei tempi che verranno.

Due anni orsono, proprio in questi giorni, venivo eletto segretario comunale. Non spetta a me dare un giudizio sul lavoro svolto da allora. Quel che so per certo è che tanto, anzi tantissimo, resta da fare per il bene della nostra comunità politica e della nostra amata città. Proprio per questo è necessario che il Pd comunale abbia una guida forte e a “tempo pieno”. Sono certo che il nostro Partito saprà trovare tale guida e, soprattutto, darle tutto il sostegno necessario.

Ringrazio coloro che in questi anni hanno impiegato il proprio tempo e le loro energie per affiancarmi e supportarmi, condividendo quotidianamente con me l’impegno e l’onore di cercare di rappresentare al meglio una comunità ricca di passione e di idee. A loro dedico questi due anni indimenticabili. Sicuramente lo saranno per me, spero che lo siano un po’ anche per loro”, è il saluto di Maurizio Bozzaotre.

Leggi anche: Tripi: Il Comune di Pistoia ha smesso di occuparsi di cultura. In troppi escono dall’ATP