Le operazioni di sicurezza sul territorio portate a termine dal Comando della Polizia Municipale diretto dal comandante Domenico Gatto. Individuati due magrebini ed un nigeriano nelle strade del centro di Montecatini Terme e sono scattate denuncia, sanzione amministrativa e tre Daspo urbani.

Tre Daspo urbani in centro a Montecatini per commercianti abusivi

Continua senza tregua l’attività della Polizia Municipale di Montecatini Terme al contrasto ai comportamenti illegali della città con mirati servizi contro parcheggiatori e commercianti abusivi con provvedimento di allontanamento ,DASPO, per due persone extracomunitarie.

Dopo gli interventi della Polizia Municipale dei mesi scorsi che aveva portato all’arresto di un nigeriano E.M di 28 anni di Montecatini Terme a all’allontanamento con Daspo Urbano di altri 4 giovani parcheggiatori abusivi, aveva subito una forte riduzione e ultimamente il fenomeno si è ripresentato. La pattuglia del Nucleo Sicurezza del Territorio che costantemente è impegnata a reprimere gli atti contrari alla civile convivenza dei quartieri della città nelle prime ore della mattinata odierna ha puntato l’attenzione al Piazzale Enzo Ginanni, ex parcheggio San Marco, ed ha accertato la presenza di un cittadino nigeriano I.E di 25 anni che era intento a far parcheggiare i veicoli all’interno del Piazzale, il giovane è stato monitorato e dopo aver fatto parcheggiare il veicolo si avvicinava al conducente e gli chiedeva il denaro.

A questo punto gli agenti sono entrati in azione e a bordo di veicolo privo dei loghi istituzionali, sono entrati nel piazzale, e come da prassi il parcheggiatore ha invitato la pattuglia a parcheggiare in uno stallo libero, ma quando si è avvicinato all’autovettura per riscuotere il compenso, gli operatori si sono qualificati e dopo un tentativo di fuga è stato preso e dopo averlo compiutamente identificato per lui è scattato il Daspo Urbano, la sanzione per parcheggiatore abusivo e il sequestro di 66 euro in monetine che aveva raccolto dagli avventori del parcheggio.

Successivamente i controlli si sono spostati sul centro dove è stato è stato fermato K.C. di origini magrebine di 40 anni intento a vendere merce contraffatta di abbigliamento e borse di famose griffe, anche in questo caso ha cercato di abbandonare la merce e darsi alla fuga, lo stesso è stato prontamente raggiunto e per lui è scattata la denuncia all’autorità Giudiziaria: sequestro di tutta la merce contraffatta, sanzione amministrativa di 5000 euro e Daspo Urbano. Si evidenzia inoltre il sequestro di ingente quantitativo di merce consistente in abbigliamento e articoli per la casa abusivamente posta in vendita da un cittadino nigeriano A.O. nigeriano di 35 anni nella centrale via Bicchierai: alla vista degli agenti ha ammesso le proprie responsabilità. Anche per lui oltre al sequestro, sanzione amministrativa di 5mila euro e Daspo Urbano.

Tutte le pattuglie impegnate sul territorio a vario genere si stanno impegnando a rendere decorosa la vita all’interno della città – ha detto il comandante della polizia municipale, Domenico Gatto – oltre ai fatti della giornata odierna si rappresentano i numerosi interventi nel centro e nella stazione ferroviaria di persone che vengono allontanate perché trovate a bivaccare e che impediscono la normale frequentazione dei cittadini e turisti. L’attività di contrasto continua senza tregua anche in orari serali.

Sono orgoglioso del lavoro dei ragazzi della Polizia Municipale e del Comandante Gatto e per il loro lavoro encomiabile – ha detto il sindaco Luca Baroncini – Ringrazio l’assessore Corrieri che già ha dato
un’impronta importante. E’ un lavoro questo che va nella direzione degli indirizzi politici dati dalla nostra Amministrazione: una Polizia Municipale impegnata nel controllo del territorio sulla base del principio della tolleranza zero verso chi non rispetta le regole. La sicurezza per noi è una priorità e metteremo le Forze dell’Ordine nelle condizioni di lavorare al meglio, anche con il supporto della nostra Polizia Municipale.

LEGGI ANCHE: Scuola di Nievole, il Pd chiede di mantenere gli incentivi del passato