Importante e vasta operazione in Lombardia per smascherare un giro di corruzione, associazione di stampo mafioso e finanziamento illecito a partiti politici. In tutto ci sono 43 arresti e fra gli indagati risulta esserci Damiano Belli, amministratore delegato di Ambienthesis Spa nato a Firenze e residente a Serravalle Pistoiese.

Damiano Belli è indagato, ecco perché

Il manager toscano, 52 anni, è indagato da parte del Tribunale di Milano all’interno di una vicenda particolarmente complessa che vede coinvolti, come attori principali, due esponenti politici di Forza Italia come Pietro Tatarella, candidato alle prossime elezioni europee, e Fabio Altitonante che invece è sottosegretario in Regione Lombardia.

La parte che riguarda il manager fiorentino, ma residente attualmente a Serravalle Pistoiese, lo vede al centro di un finanziamento illecito riferito al partito politico “Fratelli d’Italia” di 10.000 euro assieme a Andrea Grossi, Daniele D’Alfonso e Gianfranco Gumiero.

LEGGI ANCHE: L’operazione anti-corruzione in Lombardia – VIDEO

Chi è il manager?

Il manager al centro di questo filone della vicenda giudiziaria ben più ampia che è divampata in Lombardia è nato a Firenze nell’ottobre 1967 ed attualmente risiede a Serravalle Pistoiese. E’ l’amministratore delegato di Ambienthesis Spa, una delle maggiori società italiane che si occupano di bonifica d’amianto e lame minerali.

Leggi anche:  Pescia, in carcere una cinese di 40 anni per sfruttamento della prostituzione

Il dirigente in questione ha anche un suo apposito sito web dove spiega la sua vita e la sua carriera professionale.

LEGGI ANCHE: Cattivi odori nella piana pistoiese che arrivano dal depuratore del Calice di Prato