Nei giorni scorsi il nucleo sicurezza del territorio della Polizia Municipale di Montecatini ha intensificato i controlli nelle zone della movida montecatinese frequentate da molti giovani.

I risultati non sono mancati con il sequestro di occhiali e abbigliamento contraffatto operato a carico di un cittadino extracomunitario che aveva esposto la merce intento a venderla e pertanto gli è stata tolta dalla disponibilità e dopo le perizie sarà disposta la distruzione. Per lui la denuncia per violazione degli articoli 474 e 648 del Codice Penale per merce contraffatta e ricettazione.

Sequestrati occhiali e abbigliamento contraffatto

Altra attività è stata effettuata al contrasto della vendita di alcoolici a minorenni e giovani, anche in questo caso è stato identificato il gestore di un attività del centro cittadino intento a vendere bottiglie di birra a gruppi di ragazzi. Oltre alle sanzioni si provvederà a segnalare l’attività illecita all’ufficio commercio del comune per la valutazione di altri provvedimenti a carico del contravventore.

In ambito della lotta contro l’uso di sostanze stupefacenti sono stati fermati e controllati numerosi giovani e per quattro di loro, già da tempo attenzionati, trovati in possesso di sostanze stupefacenti sono stati oggetto di sequestro di spinelli e delle droghe il loro possesso.

Gli stessi sono stati segnalati alla Prefettura di Pistoia come soggetti dediti all’uso di sostanze stupefacenti e pertanto nei loro confronti saranno emessi provvedimenti restrittivi sulla patente di guida e nel documento per l’espatrio.

Leggi anche:  Nuovamente arrestato per la rissa alla gelateria Desideri: era evaso dai domiciliari

Sempre in ambito dell’attività dei controlli è stato fermato e identificato un autocarro che era dedito alla vendita di funghi lungo la strada.

Dopo un accurato controllo della documentazione sono emerse gravi irregolarità per lo stato di conservazione dei funghi esposti con rischio per la salute dei cittadini.
All’uomo sono state contestate diverse sanzioni tra cui la più grave è quella prevista dalla legge Regionale 16/1999 che prevede il divieto di vendita di funghi e prodotti del sottobosco fuori da apposite strutture commerciali dotate di refrigerazione del prodotto.

Durante l’accertamento è emerso che la provenienza della merce era di paese extracomunitario comprata per pochi euro, cinque, e venduta quintuplicando il prezzo approfittando della buona fede dei consumatori. Tutti i funghi presenti sull’autocarro sono stati immediatamente distrutti dalla Polizia Municipale.

Il commento del comandante Gatto: “L’attività in essere non termina con questi risultati, anzi nei prossimi giorni i servizi saranno intensificati con l’obiettivo di minimizzare questi comportamenti a tutela dei giovani che frequentano la nostra città”.

Leggi anche: Domiciliari per un 18enne spacciatore a Montecatini Terme