Singolare iniziativa promossa la sera del 4 luglio scorso a Firenze per celebrare la festa d’Indipendenza americana: è stato acceso un raggio verde, identico a quello che nel 2017 ha campeggiato a Pistoia in occasione dell’anno di Capitale Italiana della Cultura, tra Palazzo Vecchio ed il ponte Amerigo Vespucci.

Il raggio verde come quello di #Pistoia17

Un fascio luminoso di colore verde che ha illuminato il cielo di Firenze la notte del 4 luglio, data simbolo negli Stati Uniti d’America visto che si celebra l’ Indipendence Day. E’ stata questa l’iniziativa promossa dall’associazione “Amerigo” in segno di amicizia fra la comunità fiorentina e quella americana.

La strumentazione è stata fornita dal gruppo El.En, azienda leader per la produzione di macchinari laser, ed il raggio è stato fatto partire da una finestra della Torre di Arnolfo a Palazzo Vecchio concludendo la sua gittata al basamento del ponte sull’Arno intitolato ad Amerigo Vespucci.

Un episodio che ha riportato alla mente, per i pistoiesi in particolar modo, quanto successo due anni fa in occasione della nomina di Pistoia Capitale Italiana della Cultura 2017 e la decisione di accendere il “raggio verde” che metteva simbolicamente in comunicazione Palazzo Fabroni, in pieno centro, con la Villa di Celle a Santomato, una delle più rinomate del territorio.

Leggi anche:  Impianti sportivi, Tonini: "Responsabili del Comune inadeguati ed incompetenti"
raggio-verde-pistoia-2017
Era l’inverno 2017: il raggio verde installato in occasione di Pistoia Capitale Italiana della Cultura

Un raggio laser che destò parecchie polemiche, soprattutto per il suo costo ed il suo utilizzo, e che nel bel mezzo dell’anno fu poi abbandonato, spento e non riproposto dopo il cambio di amministrazione comunale.

LEGGI ANCHE: Quando l’emodialisi a domicilio può salvarti la vita