Importante visita da parte dell’ambasciatore italiano a Kinshasa, Luca Attanasio, assieme alla consorte Zakia Seddiy, ha visitato il centro didattico “Padre Vittorio Agostini” creato in Congo grazie a Culturidea di Pistoia ed A.B.I.T. intitolato alla memoria del missionario di Masiano.

La visita dell’ambasciatore al centro “Vittorio Agostini”

Nei mesi scorsi l’Ambasciatore italiano a Kinshasa, Luca Attanasio, accompagnato dalla consorte Zakia Seddiy, ha visitato a Nsioni, Lukula il centro didattico padre Vittorio Agostini con Scuola dello Sport Roberto Clagluna. Il centro, che da anni scolarizza centinaia di congolesi, è stato costruito ed è finanziato dall’Associazione Culturidea di Pistoia insieme ad A.B.I.T. in collaborazione con i Missionari Comboniani con referente padre Lino Spezia.

Luca Attanasio, persona stimata e competente, è amato da tutti esattamente come lo è sua moglie, Zakia Seddiy,  presidente dell’Associazione MamaSofia, nata nel 2017 a Kinshasa. Mama Sofia nasce per volontà della sua presidente che, preso coscienza dei gravi e urgenti problemi sociali che affliggono il Congo, ha deciso di impegnarsi in prima persona per cercare di portare sollievo alla popolazione più in difficoltà. Si tratta di una associazione benefica di volontari italiani ed internazionali che ha come obiettivo migliorare la vita delle donne e dei bambini in difficoltà nella Repubblica Democratica del Congo. Proprio nella sua veste di presidente di MamaSofia Zaika Seddiy ha voluto fare visita al centro didattico dedicato al missionario comboniano di Masiano le cui spoglie mortali riposano nel grande stato africano, in quanto questa istituzione scolastica inaugurata nel settembre 2013, sta diventando sempre di più un punto di riferimento per la Repubblica Democratica del Congo. L’ambasciatore ha voluto portare il saluto dell’Italia, complimentandosi per il fatto che questa scuola sia il frutto di una proficua, sincera, costante collaborazione tra una realtà congolese A.B.I.T. e la pistoiese Associazione Culturidea.

Leggi anche:  Funaro Pistoia inizia la stagione 2019/2020

La realizzazione del complesso, infatti, si deve alla creazione ed alla organizzazione annuale di un festival della
musica e delle arti che vede partecipare un pubblico di alcune migliaia di pistoiesi. Ogni spettatore contribuisce alla vita del centro con una quota modesta, ma ogni anno, sommando queste quote, Culturidea riesce ad inviare, brevi manu, a Nsioni, Lukula almeno 6000 euro. Questi fondi vengono poi utilizzati dall’associazione congolese per incrementare il numero delle aule, provvedere allo stipendio dei docenti, incrementare i servizi. L’azione di Culturidea in favore della piccola comunità congolese è iniziata nel 2009 con l’acquisto del terreno ove attualmente
risiede il centro didattico e sportivo. Il primo invio di denaro fu di circa 1200 euro proprio indispensabili ad acquistare l’area destinata alla nuova scuola. Da allora, ogni anno, con il Festival della Musica e delle Arti, oltre a materiale scolastico e sportivo, Culturidea ha costantemente contribuito a realizzazione e crescita di questa realtà con una media di 6000 euro annui. Ora la visita dell’ambasciatore italiano Luca Attanasio e di sua moglie Zaika Seddiy è un ulteriore riconoscimento a questa meritoria opera.

LEGGI ANCHE: Ritrovato morto lo scomparso nel nulla a Bilancino