Secondo week per l’Abc Festival di Monsummano, dedicato ad arte, bellezza e comunità che fanno della cittadina termale la capitale della cultura partecipata.

Il teatro come veicolo di temi di attualità

Il festival, attraverso il teatro, si propone di portare a conoscenza, con un
processo di cittadinanza attiva, temi di stretta attualità della società di oggi.
Sarà la legalità l’argomento al centro dell’attenzione e avrà un protagonista
d’eccezione: Antonino De Masi, un imprenditore agricolo della Calabria che vive da anni sotto scorta. Si scontra con il potere opponendosi alla ’ndrangheta, sfidando i colossi bancari, denunciando le storture e le contraddizioni della burocrazia di stato, chiedendo semplicemente l’applicazione delle leggi, promuovendo un modello di gestione in cui l’azienda diviene il bene da tutelare in quanto strumento per garantire una vita dignitosa attraverso il lavoro e come portatrice di valori fondamentali per il vivere in comune.

In fondo un cambiamento in meglio della società – sul piano economico, politico e sociale – per essere reale, profondo e stabile, non può che partire dall’uomo, dalla sua esistenza, dalla ricostituzione del suo posto nel mondo, del suo rapporto con se stesso, con gli altri, con l’universo.

Lo spettacolo al teatro Montand

L’imprenditore sarà presente alla messa in scena dello spettacolo prodotto da
Mimesis “Antonino De Masi, il Potere dei senza potere“, di Rosanna Magrini con Lorenzo Bartolini, Elisa Proietti e Stefano Tognarelli (appuntamento sabato 11 maggio ore 21 teatro Yves Montand) e sarà protagonista di un incontro-dibattito (domenica 12 maggio ore 16 auditorium chiesa S.M.Maria Kolbe, in piazza dei Martiri a Cintolese) sulla legalità con la partecipazione dell’ Associazione Fontenova Cultura e Fraternità onlus e di Don Francesco Gaddini.

Intanto continuano le iniziative che coinvolgono le scuole. Per i più piccoli
sabato 11 maggio alle ore 10 al Mu.Bi. in piazza F.Martini, 1 a Monsummano ci
sarà lo spettacolo (ingresso libero) “Guarda come ti faccio un film”, mentre “Gli sbullizzati”, realizzato con i ragazzi delle Scuole Primarie degli Istituti Comprensivi “A. Caponnetto” e “W. Iozzelli” continuerà le sue repliche (13 maggio ore 21,00 “F. Martini”; 14 maggio ore 21,00 “G. Arinci” Arena Villa
R.Martini) dopo le prime rappresentazioni.

Leggi anche:  Al 22° Gran Paradiso Film Festival c’è anche Netweek

La rappresentazione è la tappa conclusiva del laboratorio condotto da Mimesis
sul tema del bullismo.

I ragazzi si sono confrontati, in maniera giocosa ma anche profonda, con il fenomeno della discriminazione, – spiega Rosanna Magrini direttrice del festival – cercando di capire perché si discrimina e cosa possiamo fare per impedirlo. Così i nostri attori ci guidano alla scoperta delle loro riflessioni, mostrandoci esempi, ribaltando situazioni, illuminandoci con le loro idee. Ricordandoci che la parola “bullo” è solo una parola, un’etichetta; dietro ci sta un mondo, da scoprire e da comprendere.

I problemi degli adolescenti e il fenomeno del bullismo erano stati i protagonisti del primo fine settimana del festival che ha visto sold out tutte le proposte del festival a partire dallo spettacolo “Gli equilibristi; fino a “Manuale d’amore”, “Il tempo dell’attesa”. Intanto c’è attesa per gli incontri e gli spettacoli dei prossimi giorni con Oscar De Summa (18 maggio) e Lino Guanciale (20 maggio).
Per informazioni sul festival e prenotazioni per gli spettacoli è attivo l’info point in Piazza F. Martini, all’ingresso del Mu.Bi dalle 10,00 alle 12,00, mentre per il ritiro dei biglietti è previsto dalle 17,30 alle 19,30 o un’ora prima degli spettacoli direttamente nel luogo dell’evento. Info 391 1861269.

Leggi anche: Promessa mantenuta: Furio Morucci in lista per Simona De Caro a Monsummano