Presso l’auditorium della Scuola Secondaria di Primo Grado Padre Filippo Cecchi si è svolto un incontro con gli studenti delle terze classi di Ponte Buggianese e Chiesina Uzzanese su “Riflessioni su un confine difficile” in occasione del 10 di febbraio “Giornata del Ricordo”. L’incontro è stato realizzato in sinergia fra l’Amministrazione Comunale di Ponte Buggianese e l’Istituto Comprensivo Don Milani.

Giornata del Ricordo, le iniziative a Ponte Buggianese

Una mattinata in cui è stata delineata la storia di quel periodo dal professor Andrea Ottanelli e arricchita dalla testimonianza di don Franco Cerri, figlio di una famiglia esule di Zara.

Sono inoltre intervenuti all’incontro il consigliere regionale Marco Niccolai anch’esso promotore di questo convegno, il vice sindaco Maria Baldi del comune di Ponte Buggianese, il sindaco Fabio Berti del Comune di Chiesina Uzzanese ed il dirigente scolastico Lorenza Lorenzini.

Una mattinata in cui storia e testimonianze si sono unite per raccontare ai ragazzi un’altra triste pagina di storia. Una ondata di violenza che ha inizio nel 1943 e continuerà fino al 1947, in cui si contano circa 20.000 italiani uccisi e 250.000 gli esuli italiani costretti a lasciare le loro case per andare incontro ad un futuro oscuro e doloroso e come Don Franco Cerri ha detto ai ragazzi. “Quando siamo partiti da Zara avevamo solo una valigia e ci siamo abituati a vivere solo dell’indispensabile”.

Leggi anche:  Befana in montagna, ecco tutti gli appuntamenti del weekend

LEGGI ANCHE: A Ponte Buggianese consegnati gli encomi agli eroi del piccolo Nicolas e non solo