Un percorso di una settimana particolarmente intenso all’interno dell’Area Blu: è questo il senso di “Storie di luce”, importante operazione didattica promossa dai servizi educativi del Comune di Pistoia per i bambini dai 3 ai 5 anni.

Cos’è “Le Storie di luce”?

Si chiamano “Storie di luce” e sono laboratori ideati dai servizi educativi del Comune di Pistoia per i bambini dai 3 ai 5 anni. Il primo appuntamento si è tenuto questa mattina, lunedì 4 novembre, nell’Area blu, coinvolgendo un gruppo di circa dieci bambini in esperienze ludiche con lavagne e tavoli luminosi, utili a stimolare la fantasia e a creare nuove storie. Gli altri sei incontri sono in programma fino a venerdì 8 novembre al nido d’infanzia Lago Mago, alle scuole dell’infanzia Marino Marini e La Filastrocca, con tre diversi percorsi di gioco.

I laboratori si collocano nell’ambito della mostra “Play Well” del Wellcome Collection di Londra, che fino a marzo ospita la sezione Pistoia, i bambini e il gioco con un video che racconta attraverso le immagini l’esperienza dei servizi educativi del Comune di Pistoia.
Le “Storie di luce” sono inserite anche nel programma di Infanzia e città, che comprende mostre, laboratori, incontri e spettacoli dislocati a Pistoia dal 21 settembre fino al 9 novembre.

«L’offerta formativa dei servizi educativi pistoiesi è in continua evoluzione – sottolinea Alessandra Frosini, assessore all’educazione e formazione –. In questo contesto si inserisce la collaborazione con la Wellcome Collection di Londra e la programmazione delle ‘Storie di luce’, veri e propri percorsi ludici diretti a promuovere lo sviluppo sensoriale e visivo dei bambini e a stimolare la curiosità e le capacità di esplorazione. Gli spazi didattici si arricchiscono di nuovi giochi e nuovi spunti che invitano i più piccoli a costruire competenze sociali, affettive e cognitive non attraverso lezioncine frontali, quindi, bensì con forme di apprendimento non stereotipate, capaci di sollecitare le curiosità, l’esplorazione, la cooperazione».

Rivolti ai bambini dell’età di frequenza delle scuole ospitanti, i Giochi di luce sono aperti a tutti (anche a chi è iscritto in altre scuole), previa prenotazione telefonica. In alcuni momenti di gioco saranno coinvolti anche i genitori, per condividere con i figli momenti di svago e complicità.

Leggi anche:  Estratto dell'atto di citazione - Tribunale di Pistoia

Questo il programma degli incontri: al nido d’infanzia Lago Mago, lunedì 4 novembre, dalle 16 alle 17 e dalle 17 alle 18; alla scuola dell’infanzia Marino Marini, martedì 5 e 7 novembre dalle 16.30 alle 17.30 e dalle 17.30 alle 18.30; alla scuola dell’infanzia La Filastrocca, mercoledì 6 e venerdì 8 novembre, dalle 16.30 alle 17.30 e dalle 17.30 alle 18.30.

I laboratori dedicati alla luce rappresentano uno strumento ludico che ben si colloca nei servizi educativi per l’infanzia comunali che mettono al centro della loro pedagogia il gioco, lo stare bene a scuola e le relazioni in contento accoglienti e stimolanti. Si è cercato, quindi, di creare ambienti capaci di nutrire i sensi, le emozioni, il mondo immaginario e interiore dei più piccoli. La stanza delle luci è, infatti, un’esperienza cosiddetta ‘immersiva’, che può nutrire il mondo interiore e immaginario dei bambini, che possono giocare a trasformare la propria immagine e uno spazio può divenire un ‘teatro affettivo’ attraverso cui costruire i propri significati di senso e dare una forma alla realtà.

«Quando si viene a giocare con la magica luce amica è come fingere di essere nelle favole – dice un bambino –. Non è vero, ma sentiamo che siamo nel vero regno delle favole, sentiamo che è come un sogno, un sogno bello a occhi aperti. Si può fare anche i personaggi cattivini, ma il bello è che se si fanno qui non ci viene paura perché si sa che è per finta. Oppure, se c’è una cosa paurosa, tipo un lupo o una stregaccia, qui noi si può giocare a farli,ma per fintissima, perché non lo siamo per davvero.»

Per informazioni e prenotazioni chiamare i seguenti numeri: per il nido d’infanzia Lago Mago, 0573 401716; per la scuola dell’infanzia Marino Marini, 0573 453332; per la scuola dell’infanzia La Filastrocca, 0573 451498.

LEGGI ANCHE: Al via i contributi per i giovani a Pieve a Nievole