Nuovo durissimo affondo del capogruppo del Pd in consiglio comunale, Walter Tripi, in merito al piano della cultura per quanto riguarda il Comune di Pistoia: “Stanno cancellando la città” l’accusa nei confronti del sindaco, Alessandro Tomasi.

Le accuse di Walter Tripi al sindaco Tomasi

“Mentre la destra pistoiese, con l’avvicinarsi delle elezioni regionali, si diverte a parlare di mazzette al PD, la Cultura della città muore. Stanno cancellando Pistoia per la loro totale assenza e incapacità.”

Così Walter Tripi, capogruppo PD a Pistoia. Il riferimento è non solo alla cancellazione sul web dei riferimenti al Museo Marini, ma anche a altre vicende che continuano a emergere.

“Ci si è tolti il problema del Piano per la Cultura girandolo ad ATP, senza alcun raccordo con il resto gli altri Comuni o le realtà e associazioni culturali locali. Si aggiunge la delibera con cui si finanzia, tra l’altro in ritardo, un progetto sui Musei in cui un ruolo chiave lo hanno le persone che hanno votato per lo spostamento delle opere di Marino a Firenze. Noi continuiamo il nostro lavoro: dopo le oltre 500 firme raccolte per il Consiglio Comunale aperto e il protocollo della relativa mozione sulla vicenda Marini, abbiamo chiesto una ricognizione dei rapporti con tutte le Fondazioni culturali. C’è un problema grosso come una casa, e non è una questione da addetti ai lavori o di schermaglie politiche: ne va del futuro della città, più di quanto si pensi. Giusto che siano i cittadini a chiedere conto di questo dannoso disinteresse” – conclude Tripi.

LEGGI ANCHE: Il sindaco Tomasi risponde alle accuse sul Tpl