La proposta lanciata dal capogruppo in Consiglio Comunale di Pistoia del M5S, Nicola Maglione, dopo le polemiche arrivate dalla decisione a Roma in Senato: la proposta deve ottenere l’adesione di un quinto dell’assise.

Cittadinanza onoraria a Pistoia per Liliana Segre: lo chiede Nicola Maglione

Questo il comunicato diffuso dal capogruppo del M5S in Consiglio Comunale a Pistoia, Nicola Maglione, sulla possibilità di concedere la cittadinanza onoraria a Pistoia a Liliana Segre.

Dopo la vergognosa sceneggiata in Senato, con l’astensione di alcuni partiti (Fi, Fdi, Lega) sulla proposta della senatrice Segre di costituire una commissione per contrastare i fenomeni di intolleranza, razzismo, antisemitismo e istigazione all’odio e alla violenza, ritengo doveroso che Pistoia reagisca e dimostri di essere invece una città civile, democratica ed umana, dove le persone avvertano i valori del rispetto e della fratellanza, una comunità dove i nostri ragazzi possano crescere con la consapevolezza di quanto sia devastanti e distruttivi certi modi di pensare, di prevalere, di opprimere, di negare i più inviolabili diritti dell’uomo. A cosa serve organizzare le gite per visitare l’orrore dei resti dei campi di sterminio o di fosse comuni se poi arrivano questi messaggi irresponsabili? Abbiamo il dovere etico di tutelare e mantenere viva la memoria di qualsiasi tragedia, di qualsiasi strage, senza distinguo di “colori”, come spesso invece viene fatto per strumentalizzare politicamente queste atrocità che di politica, anche con quella con la p minuscola, non hanno niente a che fare! Qui non si tratta di destra, sinistra o altro, si tratta di restare umani. Certe prospettive, che la storia ci insegna si presentano sovente in maniera strisciante, vanno contrastate subito, prima che diventino “normali” ed accettabili. Ecco perchè pensiamo si debba rispondere in maniera chiara e forte, anche alla luce di post deliranti come quello di ieri di Bartolomei (un assessore del nostro Comune!!) nel quale disquisisce sull’opportunità di dare la scorta alla senatrice! Dice che siamo un Paese confuso perché la concediamo alla senatrice e la togliamo al Capitano dei Carabinieri, Ultimo. Nella piena confusione, e grave ignoranza, c’è lui, l’assessore, dato che la revoca della scorta al Capitano, l’ha fatto il leader del suo partito, Salvini, quando era Ministro dell’Interno, con un provvedimento del 3 settembre 2018 !! Meno male che il Tar di Roma lo ha sospeso in via cautelare, accogliendo il ricorso presentato dall’avvocato del valoroso ufficiale dell’Arma. Proporrò quindi che alla signora Segre, per quello che lei preziosamente rappresenta e testimonia, venga riconosciuta la cittadinanza onoraria della nostra città. Il riferimento assoluto del M5S è, e deve rimanere, la nostra Costituzione, i suoi principi di libertà, uguaglianza, giustizia e di pieno sviluppo della persona umana. Questi siamo chiamati a perseguire perché è su questi che si fonda la nostra Patria. Da regolamento, la richiesta deve essere sottoscritta da almeno un quinto dei consiglieri ma sono certo che troveremo le adesioni necessarie per portare avanti la proposta.

LEGGI ANCHE: Unione Comunale del Pd, si è dimesso il segretario Maurizio Bozzaotre